DI COSA SI OCCUPA IL FISIOTERAPISTA CON FORMAZIONE AVANZATA NELLA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO?

La Riabilitazione del Pavimento pelvico è una materia vasta, che negli ultimi anni ha visto un grande sviluppo ed un approfondimento scientifico da parte delle figure professionali che se ne occupano. Essa è, infatti, per la particolarità della zona trattata e delle strette correlazioni con aspetti intimi e personali, una terapia che richiede un approccio multiprofessionale ed integrato di diverse figure sanitarie: dal medico specialista, all’ostetrica, infermiere/a, psicologo/a e, chiaramente, al fisioterapista.

In questa folla di professionisti, la Persona Che soffre di disturbi della sfera genito-urinaria ed anale rimane il punto focale, poiché ognuna necessita un percorso riabilitativo specifico ed altamente personalizzato.

Il Fisioterapista con formazione avanzata nella Riabilitazione del Pavimento Pelvico è un Professionista Sanitario che, dopo la Laurea abilitante in Fisioterapia, ha perfezionato le conoscenze di anatomia, patologia e riabilitazione, le abilità tecnico-pratiche, le capacità relazionali e manageriali nell’ambito del trattamento riabilitativo di problematiche e disordini che riguardano la sfera genito-urinaria ed anale.

Competenze

Il Fisioterapista con formazione avanzata in Riabilitazione del Pavimento Pelvico lavora presso Aziende Sanitarie e Centri Accreditati, oppure in regime di Libera Professione.
Svolge il suo lavoro tramite una accurata valutazione del Paziente e delle sue esigenze di Salute, alla quale seguono la programmazione ed attuazione di un programma riabilitativo e la sua successiva verifica. Fondamentale nel percorso riabilitativo è la stesura, da parte del Fisioterapista, di programmi di prevenzione e cura delle problematiche legate al pavimento pelvico. 
Come Professionista Sanitario, nella sua pratica clinica il Fisioterapista agisce secondo coscienza e conoscenza, seguendo la EBM (Medicina Basata sull’Evidenza) e Linee Guida specialistiche e facendo sempre riferimento al quadro bio-psicosociale del Paziente.

Formazione

Questa necessità di formazione è individuata dagli artt. 16 e 23 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) del comparto sanità, sottoscritto il 21 maggio 2018. Esso individua i cosiddetti “incarichi di funzione” (professionista specialista e professionista esperto) “in relazione alle aree di formazione complementare post diploma per l’esercizio di compiti aggiuntivi e/o maggiormente complessi che richiedono significative, elevate ed innovative competenze professionali rispetto a quelle del profilo posseduto”.

Il perfezionamento può avvenire, quindi, intraprendendo due differenti percorsi:

  1. La formazione specialistica, frequentando un Master Universitario di I Livello in Riabilitazione del Pavimento Pelvico (attualmente disponibile come percorso Interprofessionale – per Fisioterapisti, Infermieri ed Ostetriche – presso 3 poli Universitari italiani: Milano Bicocca, Roma e Napoli), che individua la figura di Fisioterapista Specialista in Riabilitazione del Pavimento Pelvico ai sensi della legge 43/2006.
  2. L’acquisizione di competenze avanzate tramite percorsi formativi complementari regionali e attraverso l’esercizio di attività professionali riconosciute dalle Regioni, che individuano la figura di Fisioterapista Esperto in Riabilitazione del Pavimento Pelvico.

Tale differenza di formazione ha valore sia in termini di efficienza e qualità del servizio, sia in termini economici per il Sistema Sanitario.

Per seguire al meglio il paziente, il Fisioterapista lavora in équipe riabilitativa con le seguenti figure:

  • UROLOGO: per problematiche legate alla sfera urologica, come Incontinenza urinaria maschile e femminile, Cistiti abatteriche, Riabilitazione post-prostatectomia, ecc;
  • COLON-PROCTOLOGO: per disfunzioni ano-rettali come Incontinenza fecale, Sindrome da defecazione ostruita, ecc;
  • GINECOLOGO: per la Riabilitazione in caso di Prolasso degli organi pelvici, post chirurgia ginecologica, Pre-Post partum, condizioni di Dolore Pelvico come Dispareunia, Vaginismo, Vulvodinia, ecc;
  • NEUROLOGO: in caso di interessamento neurologico delle funzioni della zona perineale, come Nevralgia del nervo Pudendo, Vescica Iperattiva, ecc;
  • GASTROENTEROLOGO: in caso di Ernie addominali (in sinergia con il Chirurgo di parete addominale), ecc;
  • PSICOLOGO/PSICHIATRA: fondamentale nel percorso riabilitativo nel Dolore Pelvico Cronico;
  • SESSUOLOGO: nell’integrazione del percorso riabilitativo in caso di disturbi presenti durante l’atto sessuale, come Dispareunia, Vaginismo, Vulvodinia o Deficit di erezione.

Gli obiettivi della Riabilitazione del Pavimento Pelvico sono:

  • Ripristinare la corretta funzione di continenza e sostegno del pavimento pelvico
  • Riabilitare il tono muscolare del pavimento pelvico
  • Ripristinare la statica pelvica
  • Ridurre il dolore pelvico
  • Coadiuvare il ripristino di una sessualità soddisfacente
  • Educare il paziente ad una corretta gestione del proprio pavimento pelvico

Per Contatti

Email

gispavimentopelvico@aifi.net

Telefono

(+39) +39 06-77201020

Sede

Via Pinerolo, 3
00182 Roma